Lo sai che a Milano c’è il Pirelli HangarBicocca?

Dagli edifici di vecchi stabilimenti industriali oggi sorge un eccezionale polo di arte contemporanea: viaggio alla scoperta di Pirelli HangarBicocca!

Pirelli HangarBicocca

Bicocca è una grande area, una distesa di perlopiù ex edifici industriali oggi dismessi è convertiti a nuove funzioni, o in via di conversione. Nel cuore pulsante di Bicocca una volta c’erano aziende come Pirelli, Ansaldo, Breda. Quest’ultima, fondata nel 1886 dall’ingegnere Ernesto Breda e spostata a Bicocca nel 1903, fabbricava soprattutto “carrozze ferroviarie, locomotive elettriche e a vapore, caldaie, macchine agricole e utensili a cui, durante il primo conflitto mondiale, si aggiunse la fabbricazione di aerei, proiettili e altri prodotti di impiego bellico”.

Tra questi edifici rientrava anche quello che oggi è il Pirelli HangarBicocca. Ciò che vediamo oggi è l’insieme di varie aggiunte successive, come lo Shed (fatto di mattoni a vista e preposto alla costruzione di locomotive e macchine agricole), l’edificio cubico oggi chiamato “Cubo” e il fabbricato “Navate“, eretto fra ’63 e ’65 come reparto trasformatori.

Pirelli HangarBicocca: La Sequenza di Fausto Melotti

Pirelli HangarBicocca: La Sequenza di Fausto Melotti

Cos’è oggi Pirelli HangarBicocca

Oggi HangarBicocca è uno spazio che Prelios ha dedicato all’arte contemporanea e ad installazioni significative e di grande impatto. L’edificio “Navate”, 9.500 metri quadrati per circa trenta metri di altezza, è caratterizzato da tre navate di cui una, dal 2004, accoglie I Sette Palazzi Celesti dell’artista tedesco Anselm Kiefer. Depositi e baracche, demoliti attorno al 2000, sorgevano nel giardino dove dal 2010 è situata La Sequenza di Fausto Melotti. Nelle altre navate, invece, si trovano esposizioni a rotazione, più o meno apprezzate ma sempre capaci di suscitare grande clamore.

Pirelli HangarBicocca: I Sette Palazzi Celesti di Anselm KieferPirelli HangarBicocca: I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer

Bonus track: Pirelli HangarBicocca è ad ingresso gratuito e facilmente raggiungibile con la metropolitana Lilla: basta scendere a M5 Ponale.

Se vi è piaciuto questo articolo e volete riceverne altri, potete iscrivervi alla nostra newsletter: genera felicità! Una volta alla settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: